Scuola, un viaggio nei valori…

SOLIDARIETA’

Il passato che aiuta il futuro… e viceversa

Lavorare con le mani insieme ai “nonni”

 

   

 

Diversi

e amici

 

 

 

Comprendersi            

Stare insieme

 

@@@

Sognare il futuro senza dimenticare il passato

Il futuro, cassetto dei sogni del passato

 

Robotica   

Lingua Inglese/Spagnola

 

Tradizioni: filastrocche, ninne nanne, conte,…

Domani è festa,

si mangia la minestra.

La minestra non mi piace

si mangia pane brace.

La brace è troppo nera, 

si mangia pane e pera.

La pera è troppo bianca,

si mangia pane e panca.

La panca è troppo dura,

si va a letto addirittura!

@@@

AMBIENTE

Per le foreste, casa di tutti 

Per un giardino che è vita 

                                          Per un’agricoltura a Km zero

Per i monti e i prati 

 

 

 

 

Per il mare

 

 

 

Per il riciclo

@@@

Inclusione, legalità, NO al bullismo

Accettazione

Aiuto                                                                                Capire l’altro

@@@

Arte e cultura

Made in Italy

L’Italia, il Paese in cui sono nato,
cultura e arte ha ospitato.

Roma, il Colosseo e tutti i romani,
il mondo di ieri e di domani;

 

Pisa, la Torre pendente che fantasia!
E il Campo dei miracoli sempre in allegria!

Milano, è una grande città,
piena di gioia e di felicità;

Napoli ha l’invenzione della pizza
e il Vesuvio che esplode e fa la bizza!

Firenze ha i grandi Uffizi.
Ah, che stupendi e meravigliosi “schizzi”!

Cagliari, l’immenso mare blu
ti fa venir la voglia di fare un tuffo all’ingiù!

Palermo, calda e con tanto sole,
stupenda da scaldar il cuore.

Genova con i suoi porti e
l’acquario, grande come quattro orti!

Torino ha la Mole Antonelliana
e il Museo dell’arte egiziana;


Venezia tra gondole e canali,
tutte vele e punte d’ali!

L’Italia è un Paese meraviglioso
non troppo grande ma fantasioso.

PaceXunBuonNatalealMondo

Un Pizzico di Pace 

 

                                                                  Babbo e mamma

Uniti

cOn figli

 iNsieme

   iNtorno

all’Albero

 Tanti

  Auguri

aLlegri

   E felici

Quest’anno abbiamo dedicato il mese di dicembre al tema della PACE.

Abbiamo decorato le nostre finestre con la parola PACE tradotta in tutte le lingue del mondo… dal curdo, all’arabo, all’ebraico, dalle lingue del vecchio continente a quelle africane, americane, asiatiche, dell’Oceania…

Pace, in tutte le lingue del mondo

Pace

La Pace

un brivido nel mondo

una cosa

per salvare vite,con il cuore.

La guerra

è la paura che scoppia

con una bomba,

guerra, che non finisce

mai.

Diamoci la mano

uniamo la forza:

la forza della Pace

sconfiggerà la guerra!

Classe Quinta

Abbiamo imparato e scritto poesie, preparato brevi rappresentazioni, cantato… e poi siamo andati dai “nonni” che vivono vicino noi in casa-famiglia a mostrare quello che avevamo imparato.

“Lo Zampognaro”

Se comandasse lo zampognaro
che scende per il viale,
sai che cosa direbbe
il giorno di Natale?
“Voglio che in ogni casa
spunti dal pavimento
un albero fiorito
di stelle d’oro e d’argento”.
Se comandasse il passero
che sulla neve zampetta
sai che cosa direbbe
con la voce che cinguetta?
“Voglio che i bimbi trovino,
quando il lume sarà acceso,
tutti i doni sognati,
più uno, per buon peso”.
Se comandasse il pastore
dal presepe di cartone
sai che legge farebbe
firmandola col lungo bastone?
“Voglio che oggi non pianga
nel mondo un solo bambino,
che abbiano lo stesso sorriso
il bianco, il moro, il giallino”.
Sapete che cosa vi dico
io che non comando niente?
Tutte queste belle cose
accadranno facilmente;
se ci diamo la mano
i miracoli si fanno
e il giorno di Natale
durerà tutto l’anno.

Gianni Rodari

Io non vorrei


Io non vorrei
udire mai
piangere
nessuno
perchè
ogni dolore
mi fa male
al cuore,
aperto
per consolare
ogni fratello triste.

Io vorrei
su tutte le bocche
scorgere il sorriso,
in tutte le pupille
la sincerità,
sentire
in tutti i cuori
la speranza
e in ogni mano
la fraternità.

Io vorrei avere
ogni fratello, amico
compagno
nella gioia
e nel dolore
e amare
con lo stesso cuore
la vita
dura
eppure così bella.
G. Colli

“Il pellerossa nel presepe”

Il pellerossa con le piume in testa
e con l’ascia di guerra in pugno stretta,
come è finito tra le statuine
del presepe, pastori e pecorine,
e l’asinello, e i magi sul cammello,
e le stelle ben disposte,
e la vecchina delle caldarroste?
Non è il tuo posto, via, Toro seduto:
torna presto di dove sei venuto.
Ma l’indiano non sente. O fa l’indiano.
Ce lo lasciamo, dite, fa lo stesso?
O darà noia agli angeli di gesso?
Forse è venuto fin qua,
ha fatto tanto viaggio,
perchè ha sentito il messaggio:
pace agli uomini di buona volontà.

Gianni Rodari

“Anno Nuovo”

Indovinami, Indovino,
tu che leggi nel destino:
l’anno nuovo come sarà?
Bello, brutto o metà e metà?”.
“Trovo stampato nei miei libroni
che avrà di certo quattro stagioni,
dodici mesi, ciascuno al suo posto,
un Carnevale e un Ferragosto
e il giorno dopo del lunedì
sarà sempre un martedì.
Di più per ora scritto non trovo
nel destino dell’anno nuovo:
per il resto anche quest’anno
sarà come gli uomini lo faranno!”.

Gianni Rodari

Natale
Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade
Ho tanta
stanchezza
sulle spalle
Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata
Qui
non si sente
altro
che il caldo buono
Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare
G. Ungaretti

Insieme ai “nonni” abbiamo realizzato un presepe molto particolare che parla di solidarietà fra generazioni.

Rappresenta i bambini della scuola che insieme ai nonni della casa-famiglia camminano verso la speranza di un mondo migliore, privo di ingiustizie e ricco di solidarietà.

 

Barchette in mare…

Tolleranza                   Sicurezza

Lavoro              Aiuto                         Acqua                             Pace

                         Casa          Amicizia             Inclusione

        Speranza              Vita Migliore        Futuro

Studio                 Cibo                             Libertà

                Aiuto            Tranquillità   

Il video è stato realizzato con i bambini durante le ore di materia alternativa e, successivamente, discusso e migliorato con tutti i ragazzi e le ragazze della classe.

Prima, durante e dopo la preparazione del video il pensiero di tutti andava ai morti in mare e al Comitato Tre Ottobre

 

Zittelleggi 15 – Pronti a partire? Ci siamo! Vi aspettiamo il 15 di settembre!

Settembre 2017

Anche quest’anno parleremo di solidarietà e tolleranza, lavoreremo affinché tutti si sentano accettati, rinforzeremo i legami fra generazioni, finalizzeremo le nostre azioni all’inclusione.

Collaboreremo con le altre scuole dell’Istituto gestendo progetti comuni.

Manterremo buoni rapporti con le istituzioni e le associazioni presenti nel nostro territorio,  portando avanti e sviluppando con loro  idee.

Tratteremo di arte e robotica; leggeremo e scriveremo in modo creativo.

Come facciamo da anni, coltiveremo in classe e insieme ai nonni della casa famiglia San Gregorio Magno.

Parleremo in altre lingue, inglese e spagnolo.

Creeremo percorsi educativi e didattici il più possibile individualizzati.

Lavoreremo individualmente, in coppia e in gruppo.

Saremo pronti a cogliere le opportunità che ci verranno offerte e rientreranno nel nostro piano educativo.

 

Aderiremo ai progetti di Istituto legati al Natale e alla festa di fine anno.

00000

Leggendo i nostri progetti, si può vedere come tutte le attività e gli argomenti siano interconnessi tra loro cosicché la proposta didattica che arriva al bambino possa risultare coerente  e un unicum educativo.

 

1.01

Titolo

Coltiviamo insieme

1.02

Responsabile

Docenti coinvolti

Stefano Traversari

Tutti

1.03

Abstract

Riflettere sul mistero della crescita di una pianta da un seme. La riflessione verrà  attuata progressivamente nel corso dell’anno scolastico insieme con gli anziani della casa Famiglia San Gregorio Magno ed i genitori.

Dal progetto si attende un coinvolgimento pratico (coltivazione delle piantine ) ed uno affettivo (sviluppo insieme agli anziani dell’amore e del rispetto della natura e della vita).

Osservazione e studio delle piante e delle erbe, uguaglianze e diversità .

Riproduzione grafiche delle varie erbe.

Creazione di un erbario.

Storie antiche e moderne su erbe e piante.

2. DESTINATARI

2.01

Destinatari

Scuola primaria

Tutte le classi + attività  alternative

3. GIUSTIFICAZIONE DEL PROGETTO

3.01

Finalità  del progetto

Utilizzo della serra in comune con la Casa Famiglia San Gregorio Magno.

Miglioramento dei rapporti fra generazioni.

Osservazione della natura

3.02

Integrazione nel POF e nella programmazione formativa e didattica

Integrazione con la scheda n° 2

3.03

Integrazione con altre iniziative

Il progetto è una prosecuzione di attività  portate avanti gli anni passati .

Continuità  in verticale: progetti simili nella scuola secondaria.

4. OBIETTIVI E LORO VALUTAZIONE

4.01

Obiettivi di progetto

Coltivare piante alimentari ed aromatiche, e fiori.

Conoscere erbe e piante.

Creare un erbario.

Scoprire e/o inventare storie sulle erbe e sulle piante.

4.03

Obiettivi di apprendimento

Rapportarsi con persone anziane e lavorare insieme

Imparare facendo.

Lavorare fra alunni di classi diverse

Incrementare la capacità  di lavorare in gruppo

Lavorare in serra ( seminare, annaffiare, raccogliere).

Distinguere vari tipi di piante alimentari ed aromatiche

Riconoscere erbe e piante

Proporre ai genitori i risultati del proprio lavoro

4.04

Valutazione finale degli apprendimenti

La valutazione si effettuerà  con domande agli anziani e questionari ai genitori; valutando la qualità  delle ore passate con gli anziani; osservando i ragazzi in situazione; verificando la quantità  di piantine prodotte.

4.05

Valutazione formativa

(feed-back in itinere)

Interesse/disinteresse da parte di anziani/bambini e osservazione dell’approccio che hanno gli uni con gli altri.

Capacità  di lavorare in gruppo, ricerca, in caso di feed back negativo, di nuovi modi e strategie di aggregazione.

Osservazione della crescita o meno delle piantine; ipotesi su quale potrebbe essere l’origine di eventuali problemi e riflessioni circa le modifiche da adottare sulle coltivazioni per la loro risoluzione.

Capacità di osservazione e incremento dell’interesse dei ragazzi verso l’ambiente naturale.

4.06

Valutazione d’impatto

I risultati attesi sono in particolar modo nei rapporti fra i bambini ed i loro coetanei ed a loro volta con gli anziani.

Ci si attende anche una maggiore presenza dei genitori nelle attività  della scuola.

Questionari sul gradimento del progetto

Rilevazione del numero di volte in cui i bambini chiedono di andare alla serra

Incremento dell’interesse dei bambini verso l’ambiente naturale

Numero di semi portati a scuola

Numero di piante che verranno date ai genitori

5. AZIONI DIDATTICHE

5.01

Azioni didattiche

Tutte le mattine, a turno, controllo e cura delle piante della propria classe, ma anche quelle delle altre classi, quelle comuni e quelle degli anziani.

Lezioni teoriche all’inizio dell’anno e durante il suo svolgimento

Conversazioni educative con gli anziani

Proposta di schede per imparare a osservare.

Proposta del quaderno per le osservazioni dell’ambiente

5.02

Eventuali attività  extra-scolastiche

Lavoro in serra

Lavoro individuale o a piccolo gruppo di osservazione dell’ambiente naturale (quaderno di osservazione della natura)

5.03

Interazioni tra pari

Lavoro a classi aperte nelle ore pomeridiane. I bambini della classe V guideranno i bambini più piccoli nelle attività  pratiche.

Lavoro di gruppo

Titolo

¡ Hola!

Responsabile

Docenti coinvolti

Flavia Strufaldi

Docenti di classe

Abstract

Il progetto, oltre a porsi le finalità  di sensibilizzare gli alunni alla multiculturalità  e di stimolarli alla comprensione verso chi vive e pensa in modo diverso da loro, intende porre particolare attenzione e riguardo nei confronti di quei bambini che si trovano in difficoltà  nell’apprendimento della lingua inglese. Tali difficoltà risiedono soprattutto nelle differenze fonetiche tra le lingue. Molti studi indicano che queste variabilità  generano una diversa incidenza di bambini dislessici tra la popolazione infantile, infatti in Italia ci sono fino a due volte meno casi di dislessia, con un’età  inferiore a dieci anni, rispetto agli Stati Uniti. Tutto ciò è dovuto alla non trasparenza della lingua inglese.

2.01

Destinatari

Ordine di scuola: Primaria

Tutte le classi.

3.01

Finalità del progetto

Il progetto si propone di presentare la lingua spagnola prendendo spunto dagli argomenti che saranno affrontati in lingua inglese, rispettando la gradualità  delle classi.

Intende stimolare una prima riflessione sulle diversità linguistiche tramite il confronto della lingua spagnola con la lingua inglese.

Vuole evidenziare alcune differenze e somiglianze a livello di grafema e di fonema; comprendere il diverso grado di difficoltà  che implica lo studio delle diverse lingue; favorire l’apprendimento di una lingua straniera diversa dall’inglese dove siano presenti casi di DSA.

3.02

Integrazione nel POF e nella programmazione formativa e didattica

Trova integrazione al punto 6.5 del PTOF, Progetti e attività , alle schede 1, 4 e 5

3.03

Integrazione con altre iniziative

Il progetto si integra con attività collegate alla musica, alla lingua inglese e italiana

Il progetto costituisce la prosecuzione dell’esperienza dell’anno scolastico 2015/16 e si collega con le materie curricolari della scuola secondaria di primo grado

4.01

Obiettivi di progetto

Saranno prodotti giochi come ad esempio domino e memory, oppure biglietti d’auguri e semplici cartelloni.

Saranno presentate canzoni e attività  durante la festa di fine anno

4.03

Obiettivi di apprendimento

Saper salutare e presentarsi.

Saper copiare vocaboli e saperli riconoscere.

Saper scrivere e utilizzare semplici vocaboli di uso comune come oggetti scolastici, giorni, stagioni, numeri, etc¦

Saper riprodurre in modo guidato semplici funzioni comunicative.

Interagire in brevi e semplici conversazioni.

Imparare canzoni in lingua spagnola.

4.04

Valutazione finale degli apprendimenti

La valutazione sarà  fatta proponendo situazioni di role playing, drammatizzazione, semplici schede.

4.05

Valutazione formativa

(feed-back in itinere)

I feed back saranno continui e consisteranno in situazioni di brevi dialoghi, domande e risposte con l’insegnante e i compagni; semplici schede.

4.06

Valutazione d’impatto

Gli effetti attesi a medio-lungo termine sono:

– favorire un buon approccio verso lo studio delle lingue straniere;

– stimolare la fiducia in se stessi e le potenzialità  di tutti i bambini;

– migliorare le capacità comunicative;

– promuovere la capacità  di imparare ad imparare.

5.01

Azioni didattiche

Il lavoro sarà  svolto ricavando un piccolo spazio nelle ore di inglese (o di musica)durante tutto il corso dell’anno

5.02

Eventuali attività  extra-scolastiche

Le attività  saranno svolte a scuola

5.03

Interazioni tra pari

Lavoro a coppie, lavoro di gruppo.

Tutoring. Peer to peer. Role playing, Drama

1.01

Titolo

UN libro per amico

Lettura e scrittura creativa

1.02

Responsabile

Docenti coinvolti

Daila Cecchi

Docenti del plesso

1.03

Abstract

Nella nostra società si assiste, purtroppo sempre più, alla crescente perdita di valore del libro e alla disaffezione alla lettura. In questo progetto si vogliono promuovere itinerari e strategie atti a suscitare curiosità ed amore per il libro.

2.01

Destinatari

Ordine di scuola: Scuola Primaria

Classi: I-II-III-IV-V

3.01

Finalità  del progetto

Stimolare e far nascere l’amore per la lettura.

Formare la persona sotto l’aspetto cognitivo, affettivo-relazionale e sociale in sinergia con gli attuali sistemi multimediali.

3.03

Integrazione con altre iniziative

Il progetto si integra con tutte le discipline e con gli altri progetti presentati.

Il progetto costituisce la prosecuzione di altre esperienze.

4.01

Obiettivi di progetto

Far nascere e coltivare nei bambini il piacere della letture in quanto tale, superando la disaffezione crescente per la comunicazione orale e scritta. Far scoprire che leggere può essere un bel passatempo.

4.03

Obiettivi di apprendimento

  • Educare l’abitudine all’ascolto e alla comunicazione con gli altri.

  • Favorire la conoscenza di sè attraverso l’approccio e la scelta consapevole tra i molteplici generi letterari.

  • Motivare alla conversazione su letture comuni, stimolare ed esprimere propri punti di vista e a considerare punti di vista diversi.

4.04

Valutazione finale degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti sarà  effettuata attraverso l’osservazione diretta della classe.

Saranno rilevati:

il grado di coinvolgimento degli alunni nelle attività  proposte;

– la curiosità, l’interesse e i livelli di relazionalità  fra loro.

Durante le attività  curriculari saranno verificati i miglioramenti relativi a:

– lettura ad alta voce;

– lettura espressiva;

– capacità  di comprensione dei testi letti;

– scrittura di testi, sia dal punto di vista ortografico che morfologico, del lessico che delle idee esposte

Mostra finale degli elaborati.

4.05

Valutazione formativa

(feed-back in itinere)

Il feed-back in itinere riguarderà  situazioni in cui si potranno registrare esiti positivi nel creare un ambiente collaborativo fra i bambini attraverso la lettura.

Il feed-back avverrà  anche attraverso drammatizzazioni, incontri con esperti, uscite didattiche.

4.06

Valutazione d’impatto

Gli effetti attesi a medio-lungo termine sono i seguenti:

-Sviluppo dell’amore per i libri

-Migliore comprensione della lingua italiana

-Miglioramento della lettura

– Arricchimento del lessico

5.01

Azioni didattiche

Il programma delle attività prevede le seguenti azioni:

  • Lavori in piccoli gruppi

  • Attuazione dell’angolo lettura

  • Giochi di lettura

  • Giochi con le parole

5.02

Eventuali attività extra-scolastiche

Le attività saranno svolte

In particolare

Partecipazione a concorsi letterari

Scambio o mercatino del libro usato

5.03

Interazioni tra pari

Attività  laboratoriale in gruppi, iniziando con i bambini meno esperti con il lavoro a coppie per poi passare al gruppo a tre e successivamente, dove possibile, a quello a quattro. Tutoring. Peer to peer. Dibate. Role Playng.

1.01

Titolo

Crescere solidali

1.02

Responsabile

Docenti coinvolti

Marzia Vivarelli

TUTTI GLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA

1.03

Abstract

Si evidenzia il bisogno di riconoscere il valore delle solidarietà  e del senso civico. Il progetto ha lo scopo di sensibilizzare i bambini al rispetto, alla comprensione, all’accoglienza, all’accettazione della diversità  

2.01

Destinatari

Ordine di scuola: Primaria

Classi: Tutte

3.01

Finalità del progetto

Superare nella classe atteggiamenti di rifiuto ed indifferenza verso le categorie considerate deboli.

3.02

Integrazione nel POF e nella programmazione formativa e didattica

Si rimanda alla scheda 4 presente nel POF

3.03

Integrazione con altre iniziative

Il progetto è la prosecuzione di altre esperienze affrontate dalla scuola negli anni precedenti con anziani, portatori di handicap, minoranze etniche.

4.01

Obiettivi di progetto

Semi di altruismo, aiuto e spirito di solidarietà 

4.03

Obiettivi di apprendimento

-Conoscere e rispettare le diversità di ciascuno

-Stimolare il piacere di lavorare insieme

-Mettere in atto atteggiamenti di rispetto e generosità 

4.04

Valutazione finale degli apprendimenti

Osservazione sistematica del comportamento dei bambini in classe, presso la Casa Famiglia San Gregorio Magno, con i soggetti portatori di handicap della Fondazione Turati, con i propri nonni, con persone che appartengono a culture e religioni diverse dalla nostra.

4.05

Valutazione formativa

(feed-back in itinere)

Il feed-back in itinere riguarderà  situazioni in cui si potranno registrare esiti positivi nel creare un ambiente collaborativo in classe e non, e facendo lavorare i bambini in piccoli gruppi. La valutazione avverrà  anche attraverso drammatizzazioni, incontri periodici, lavori manuali fatti insieme, uscite comuni, partecipazione e collaborazione dei genitori

4.06

Valutazione d’impatto

Gli effetti attesi a medio-lungo termine sono i seguenti:

-Comprensione delle conseguenze morali che possono avere atteggiamenti egoistici nei confronti delle persone in difficoltà 

– Promozione di atteggiamenti di solidarietà  e condivisione.

– Partecipazione attiva oltre che degli alunni anche dei genitori e degli altri soggetti coinvolti

– Diminuzione dei comportamenti egoistici da parte dei bambini

– Accettazione di culture diverse dalla nostra

Gli strumenti principali sono il lavoro insieme con anziani e portatori di handicap, le discussioni in classe su argomenti quali uguaglianza e diversità , la volontà  dei bambini di far visita agli anziani.., il numero dei genitori presenti agli incontri.

5.01

Azioni didattiche

Il programma delle attività  prevede le seguenti azioni:

-si lavorerà  a gruppi di bimbi caratterialmente diversi al fine di confrontarsi ed arricchirsi l’uno con l’altro

-lettura di testi dedicati all’argomento

-giochi per l’acquisizione di atteggiamenti di solidarietà 

– lavoro con gli anziani e persone in difficoltà 

– attività  in serra

-drammatizzazioni, poesie, canzoni, balli.

– realizzazione di interviste agli anziani sulla loro vita passata e sulle loro esperienze legate alla terra.

– utilizzo del blog della scuola per evidenziare alcune delle attività  effettuate

– lavori manuali comuni fra alunni, anziani, portatori di handicap, genitori, per la produzione di oggetti di legno e carta, con l’utilizzo di colori, colla e altri strumenti.

– incontri con esponenti di popoli diversi

– visione alla lim di documentari sulla vita dei popoli in situazione di emarginazione.

5.02

Eventuali attività  extra-scolastiche

  • Attività  in serra e mercatino delle piante prodotte
  • Incontri periodici con i ragazzi della F. Turati
  • Drammatizzazioni, poesie, canzoni, balli.
  • Realizzazioni di interviste agli anziani sulla loro vita passata e sulle loro esperienze legate alla terra.
  • Utilizzo del blog della scuola per evidenziare alcune delle attività effettuate
  • Lavori manuali comuni fra alunni, anziani, portatori di handicap, genitori, per la produzione di oggetti di legno e carta, con l’utilizzo di colori, colla e altri strumenti.
  • Incontri con esponenti di popoli diversi
  • Visione alla lim di documentari sulla vita dei popoli in situazione di emarginazione.

5.03

Interazioni tra pari

I bimbi formeranno, per la maggior parte del tempo del progetto, gruppi per elaborare con attività  laboratoriali testi scritti e grafici, ed attività  pratiche di manipolazione.

1.01

Titolo

Robot-ti-amo?

1.02

Responsabile

Docenti coinvolti

Daila Cecchi

I docenti di classe

1.03

Abstract

Il Progetto vuole avvicinare gli alunni al mondo della robotica attraverso il gioco, sviluppare un apprendimento pluridisciplinare, stimolarli a acquisire capacità  di autonomia operativa, a implementare la capacità  di lavoro in squadra con spirito cooperativo.

L’uso dei robot consentirà  ai bambini di lavorare insieme, stimolare la fantasia e l’immaginazione, sviluppare il pensiero critico e il problem solving.

Gli alunni accresceranno le loro capacità  relazionali e decisionali, il senso di responsabilità  e l’autostima.

2.01

Destinatari

Il progetto si rivolge a alunni di Scuola Primaria.

Saranno coinvolte tutte le classi

3.01

Finalità del progetto

Il progetto aiuta i ragazzi a imparare a collaborare e a partecipare attivamente lavorando in gruppo, contribuisce ad accrescere la capacità  di risolvere semplici problemi, valutando le situazioni e proponendo soluzioni.

Li aiuta a vivere l’errore positivamente, come stimolo a riprovare e a non abbandonare.

Favorisce un apprendimento multidisciplinare e aiuta a promuovere processi che consentiranno agli alunni di diventare costruttori del proprio sapere attraverso una proposta innovativa, accattivante  e pratica.

3.02

Integrazione nel POF e nella programmazione formativa e didattica

Il progetto si integra nel PTOF al punto

6.5- Progetti e attività – e più precisamente alle schede 1 e 2

(Progetto laboratori per la promozione del curricolo per competenze e Progetto laboratori scientifici-tecnologici)

3.03

Integrazione con altre iniziative

Il progetto si integra con altre iniziative di robotica educativa già  presenti nella scuola secondaria; può essere anche ampliato e proposto alla scuola dell’infanzia

4.01

Obiettivi di progetto

Il progetto si concluderà :

1- con la progettazione e costruzione di percorsi con i quali realizzare tappetini reticolati sui quali operare con la Bee-bot.

2- con la partecipazione a un gioco/percorso, con regole precise e condivise, nel quale i ragazzi si sfideranno a raggiungere una meta; attività  che potrà  essere svolta sia a gruppi che individualmente.

4.03

Obiettivi di apprendimento

1- Saper costruire il robot proposto.

2- Saper usare il robot.

3- Saper usare termini specifici legati alla robotica.

4- Migliorare le capacità  di osservazione e analisi, di interpretazione e ipotesi, di problem solving, senso critico, riflessione, metacognizione.

5- Migliorare le capacità  di orientamento nello spazio.

6- Sviluppare le capacità  di interagire e cooperare.

7- Migliorare l’autostima, la sicurezza, la capacità  di prendere decisioni.

4.04

Valutazione finale degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti sarà  effettuata con compiti in situazione (es. i bambini saranno impegnati nell’esecuzione di percorsi assegnati, dovranno dimostrare di saper programmare il robot e raggiungere la meta stabilita).

L’osservazione in situazione costituirà  una costante e consentirà, ogni volta, di rivedere o correggere strategie e metodologie adottate se ritenute non efficaci.

Autovalutazione. Gli alunni diventeranno protagonisti del loro processo di valutazione

4.05

Valutazione formativa

(feed-back in itinere)

Il feed-back in itinere: al termine di ogni fase dell’attività  è previsto un momento di riflessione comune per verificare se i punti essenziali della lezione siano stati appresi.

La presenza dell’insegnante di classe faciliterà  l’attività  di osservazione costante e attenta relativa al lavoro cooperativo, al lavoro svolto e ai risultati prodotti dagli alunni

4.06

Valutazione d’impatto

Gli effetti attesi a medio-lungo termine sono quelli di incrementare il piacere e l’entusiasmo di stare a scuola, di acquisire competenze di ascolto e comprensione, di migliorare le competenze scientifico/matematiche e i risultati scolastici nelle varie discipline.

5.01

Azioni didattiche

Il programma delle attività prevede le seguenti azioni:

  • 6 incontri di un’ora per classe (breve presentazione iniziale delle attività che verranno svolte, attività  con il robot e breve riflessione conclusiva)

  • presentazione del robot e scoperta delle sue funzioni

  • presentazione/costruzione di reticolati sui quali rappresentare percorsi

  • uso del robot sui percorsi costruiti

5.02

Eventuali attività  extra-scolastiche

5.03

Interazioni tra pari

L’interazione tra studenti avverrà  in presenza, a livello di coppia e a piccoli gruppi.

I gruppi varieranno ogni volta tenendo conto dei diversi livelli di abilità .

Il lavoro di gruppo coprirà  la totalità  del tempo impiegato per lo sviluppo delle attività . Nel gruppo saranno individuati dei ruoli specifici che cambieranno ogni volta da un alunno all’altro.

I docenti ricopriranno il ruolo di facilitatore con il compito di capire se le istruzioni, le regole condivise, siano state comprese e di fare in modo che tutti i membri del gruppo partecipino.

Quando possibile, alla fine di un percorso, saranno svolte attività  peer to peer che vedranno gli alunni protagonisti nel presentare ad un’altra classe (o ai bambini della scuola dell’infanzia) le attività  svolte e le loro impressioni

1.01

 Titolo

Vivart

Vivere l’arte come realtà  diffusa intorno a noi.

1.02

Responsabile

Docenti coinvolti

Responsabili:Laura Zinanni, Daila Cecchi, Antonella Tonarelli.

Docenti coinvolti:

Maria Letizia Luchi, Scuola Primaria “Don Milani”;

tutti i docenti della scuola primaria “Anna Frank”;

Ferrari Lisa e Monzo Cinzia cl. II^ Sc. Primaria “G.Rodari”

1.03

Il progetto si pone come obiettivo principale quello di far conoscere agli alunni e di permettere la fruizione attiva delle più significative realtà  artistiche del territorio con particolare riguardo alle iniziative correlate alla nomina di Pistoia a Capitale della cultura 2017.

2.01

Destinatari

Classi IV e V Scuola Primaria “Don Milani”;

classi II e IV Scuola Primaria “Gianni Rodari”;

tutte le classi della Scuola Primaria “Anna Frank”

3.01

Finalità  del progetto

Finalità  principale del progetto è l’apertura a significative esperienze culturali in grado di mediare la consapevolezza dell’ importanza che il patrimonio artistico riveste nello sviluppo dell’individuo e del tessuto sociale.

3.02

Integrazione nel POF e nella programmazione formativa

Riconnettere i saperi della scuola ed i saperi della società  della conoscenza per aprirsi alla multiforme realtà  attuale

3.03

Integrazione con altre iniziative

Il progetto si integra con diverse iniziative relative alla nomina di Pistoia Capitale della Cultura 2017 ed in particolare alla proposta “Passioni visive”,e laborata dal museo Marino Marini con i laboratori correlati.

Il progetto può configurarsi,inoltre, come possibile prosecuzione di altre esperienze quali il progetto di istituto dell’a.s. 2016/17, “Il mio villaggio”, legato all’analisi ed alla rielaborazione del dipinto di Chagall.

4.01

Obiettivi di progetto

I prodotti tangibili e visibili, esito del progetto, saranno gli elaborati realizzati dagli alunni nel corso delle attività  laboratoriali.

4.03

Obiettivi di apprendimento

Al termine dell’apprendimento gli studenti saranno in grado di

-osservare un’opera d’arte,

attraverso modalità  adeguate;

-individuarne le principali caratteristiche stilistiche e formali;

-coglierne il significato comunicativo;

-rielaborare in modo personale l’opera analizzata.

4.04

Valutazione finale degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti sarà  effettuata attraverso

l’osservazione sistematica degli alunni, in situazione di apprendimento; durante

conversazioni guidate; attraverso la

somministrazione di un questionario di rilevamento del gradimento dell’sperienza compiuta.

4.05

Valutazione formativa

(feed-back in itinere)

Il feed-back in itinere riguarderà  situazioni in cui usare canali espressivo/comunicativi , soprattutto iconici , visivi e manipolativi in maniera efficace;

fruire in maniera responsabile degli strumenti, dei materiali e degli spazi messi a disposizione di tutti;

lavorare in gruppo rispettando regole e ruoli.

4.06

Valutazione d’impatto

Gli effetti attesi a medio-lungo termine sono i seguenti:

-abitudine alla fruizione consapevole del patrimonio artistico/culturale del proprio territorio ed oltre;

-comprensione della necessità  di rispettare e tutelare il patrimonio ambientale, artistico e culturale, come bene condiviso;

-comprendere e utilizzare canali comunicativi di tipo visivo o grafico pittorico bi e /o tridimensionale;

-rielaborare un’opera utilizzando materiali di vario genere;

-utilizzare strumenti informatici per approfondire le informazioni acquisite

5.01

Azioni didattiche

Il programma delle attività  prevede le seguenti azioni:

-Visite guidate nei luoghi di interesse;

-Partecipazione ad attività  laboratoriali;

-Rielaborazione originale degli stimoli ricevuti

-Verbalizzazione dell’ esperienza

5.02

Eventuali attività extra-scolastiche

Le attività  saranno svolte

In particolare nei laboratori organizzati dalle istituzioni museali o artistico/culturali visitate.

5.03

Interazioni tra pari

Le attività  saranno generalmente svolte secondo le modalità  dell’apprendimento cooperativo, a coppie o in piccoli gruppi, seguendo le regole stabilite dalle situazioni laboratoriali alle quali si partecipa.

Cose Ancora Non Dette/Anno Scolastico 2016-2017

Un saluto ai ragazzi che andranno alle Medie:

date il meglio di voi stessi! 

Un abbraccio da Flavia e Daila

 Con l’augurio di continuare a sognare... Sogna, ragazzo, sogna di Vecchioni

(Visita all’Osservatorio Astronomico di Pian de’ Termini, Gavinana)

@@@

Incontro con Germano Pacelli, novembre 2016

Abbiamo ospitato la Scuola Primaria di Bonelle per incontrare insieme Germano Pacelli, pittore e scultore, che ha vissuto da ragazzo la seconda guerra mondiale, esperienza della quale ci ha parlato.

Una giornata con Germano. Pensieri, spunti… riflessioni in libertà.

Dal blog “I chiacchieroni” della Scuola Primaria di Bonelle, Pistoia

@@@

Progetto di Istituto, Curriculo verticale

Marc Chagall, IO E IL MIO VILLAGGIO

Il nostro contributo:

Durante lo svolgimento di questo progetto abbiamo lavorato anche con gli studenti e i professori della Scuola secondaria di primo grado “Renato Fucini”.

Anche l’ultimo anno della Scuola dell’infanzia e la prima classe della scuola Primaria hanno lavorato insieme, in continuità, a questo progetto.

@@@@@

Crescere in una scuola solidale

I bambini, nel corso dell’anno scolastico, hanno incontrato i “nonni” della Casa famiglia San Gregorio Magno e i “ragazzi” della Fondazione Turati, al fine di stimolare e sensibilizzare i bambini a comprendere gli altri (altre generazioni, altri popoli, altri…) e a interagire con loro

Una domenica dedicata ai “ragazzi” della Fondazione Turati…

 …e la recita di Natale alla Fondazione a Gavinana

Infine abbiamo dedicato una giornata alla Scuola Nazionale per cani guida per CIECHI di Scandicci, Firenze

@@@@@

Filippo Strufaldi è risultato tra i venti studenti toscani vincitori del concorso “Il mare, le vele”

Complimenti!

L’articolo de Il Tirreno

 

Complimenti anche ad Agata e Giulia per i loro lavori, selezionati fra i migliori e messi in mostra nelle vetrine dei negozi di Livorno.

@@@@@

Pistoia, capitale della cultura 2017

Visita ad una delle sale di anatomia più antiche d’Italia e ai sotterranei dell’ospedale del Ceppo.

Visita ai sotterranei e al museo SMI di Campo Tizzoro

 @@@

Frutta e verdura nella scuola

Nutrirsi bene, un insegnamento che frutta

Aprile/ Giugno 2017

Sono state coinvolte tutte le classi della scuola.

I bambini di prima si sono divertiti a trasformare la frutta e la verdura in personaggi buffi

 

 

@@@

Camminata con il CAI lungo la Valle del Reno, da Pontepetri alla vecchia ghiacciaia.

@@@

Che bello studiare storia toccando e osservando oggetti che provengono direttamente dal passato della nostra montagna!

Come vivevano gli uomini, le donne e i bambini della preistoria nel nostro territorio?

Un enorme grazie ad Alessandro che ha aiutato i bambini a comprendere meglio il loro passato!

@@@@@

Incontro con la polizia stradale per imparare

a vivere in sicurezza la strada, in auto e in bici

@@@@@

Musica, musica!!!

Visita alla Fondazione Tronci, Pistoia

@@@@@

@@@@@

Visita allo stabilimento della Mukki di Novoli, Firenze

Abbiamo imparato a fare il burro e visitato il museo con gli attrezzi e gli strumenti che venivano utilizzati in passato per lavorare il latte

@@@@@

Corso di basket in palestra a Bardalone

E incontro con i campioni della Tesi Group!

 @@@@@